Ad ogni modo, prima di proseguire nella lettura, sappi che se hai bisogno puoi contare sul Supporto Gratuito di RimborsoSicuro.

Puoi contattarci immediatamente mediante il FORM DEDICATO oppure chiamando il Numero Verde 800.177.569

Interessi bancari, come difendersi dagli illeciti

Quando si parla di interessi bancari si vuole indicare una remunerazione maturata dal correntista nel corso del tempo, per aver effettuato un deposito in denaro in una qualsiasi banca: depositare il denaro in banca, porta ad ottenere una rendita al di là dei costi da sostenere per l’attivazione del conto corrente o del conto deposito e per i loro costi di gestione.

interessi bancariIl perché sia possibile maturare una piccola rendita è molto semplice ed è conseguente al fatto che la banca “prende in prestito” i soldi dei correntisti per attuare operazioni finanziarie, come investimenti o prestiti. In tal caso si parla di interesse attivo.

Quando invece è la banca a erogare un prestito al correntista, ad esempio per pagare un mutuo o per un finanziamento, si parla di prestito passivo.

In talune circostanze, tuttavia, gli istituti di credito bancari emettono strumenti finanziari che possono avere delle conseguenze spiacevoli che è bene conoscere.

L’anatocismo bancario

Con questo termine si indicano “gli interessi sugli interessi” ovvero la capitalizzazione trimestrale degli interessi che si traduce in un obbligo di pagamento non dovuto alla banca da parte dei clienti che si rivolgono alla struttura per compiere operazioni di prestito o di finanziamento.

Tale pratica non è ritenuta ammissibile dalla legge, in quanto gli interessi vanno calcolati solo sul capitale, e non anche sulle rate.

La sentenza n. 3190 del 7 febbraio 2017 della Corte di Cassazione ha sancito, entro un tempo limite di 10 anni, l’obbligo di restituzione degli interessi ai correntisti da parte della banca.

“In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi”.

Partendo dall’assunto dell’articolo 1283 c.c., che stabilisce il divieto di anatocismo, sono stati formulati l’art.120 c. 2 del Testo Unico Bancario (come sostituito dall’art. 17bis c.1 del D.L. n.18-2016 conv. con mod. dalla L. n.49-2016) e il Decreto MEF n. 343 del 3.8.2016, che hanno modificato le modalità di gestione delle somme ritenute passive di interessi che dovranno venire conteggiati ogni 31 dicembre e che non potranno produrre interessi sui quali la banca può richiedere denaro, eccetto laddove sia stata applicata la mora.

Gli interessi debitori, inoltre, verranno conteggiati su un c/c bancario e saranno ritenuti eseguibili dopo il 1 marzo dell’anno successivo.

Come ottenere il rimborso degli interessi bancari illeciti

Se pensi di stare pagando degli interessi bancari illegittimi puoi rivolgerti a RIMBORSOSICURO.IT che si prenderà in carico il tuo caso, grazie al supporto del suo network di esperti in diritto bancario che avvierà tutte le procedure necessarie affinché avvenga il rimborso a seguito di una perizia per usura bancaria che lo attesti in modo evidente.

Questo avviene quando si accerta il superamento del tasso soglia nei contratti bancari, ovvero il superamento dei massimi consentiti che determina il reato di usura bancaria.

Oppure ancora, quando i tassi di interesse bancari raggiungono la soglia di usura, ad esempio in seguito all’attivazione di una richiesta di finanziamento, di un prestito o di un mutuo, superando i limiti previsti dalla legge 108/96 relativi ai tassi usurari.

Attraverso la redazione della perizia per usura bancaria potremo certificare, effettuando un’analisi dettagliata, quelli che sono gli interessi bancari applicati illecitamente nel contratto di finanziamento o altre incongruenze e irregolarità in esso eventualmente presenti.

Tramite la perizia inoltreremo la richiesta per l’ottenimento del rimborso sia verso gli interessi bancari illegittimi che di quanto pagato oltre il dovuto sul capitale finanziato.

Per richiedere una consulenza o assistenza gratuita puoi contattarci chiamando da rete fissa al numero verde 800 177 569 o allo 081 503 23 22 (anche da mobile) oppure scriverci tramite il FORM CONTATTACI: RIMBORSOSICURO.IT è al tuo servizio!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: